Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità.

Cliccando si "Accetto" ne autorizzi l'uso.

CREMONA — Prende forma, anche se lentamente, il mercato del Gruppo Triboldi Basket, in attesa del 30 giugno quando ufficialmente scadranno i contratti in essere di tanti atleti e inizieranno, per tutte le squadre, le grandi manovre. E’ bene partire da una premessa: in questo momento, nessuno dei protagonisti della promozione in serie A della Vanoli ha un contratto che lo lega alla società per la prossima stagione.

 

Si lavora ancora con grande attenzione per mettere nero su bianco l’accordo con il pivot Marco Cusin, vero pezzo pregiato del recente passato e, nelle intenzioni della dirigenza, anche del futuro prossimo. Si è sostanzialmente ai dettagli, a questo punto si dovrebbe andare verso la conferma del lungo friulano, che la società in questi due anni ha fatto crescere, restituendolo al grande palcoscenico italiano: la convocazione in nazionale, nel raduno di luglio a Bormio, ne è chiara testimonianza.

Sarà una rivoluzione tecnica o quasi; si proverà a trattenere Mauricio Aguiar, che ha lo status di oriundo e vanta già esperienze in serie A con Biella. Si esamineranno attentamente le posizioni di Troy Bell e Rodolfo Valenti, insieme a quella di Ariel Filloy, sui quali la società sarà chiamata a fare valutazioni più approfondite. Difficile rivedere in maglia biancoblù Quadre Lollis e Silvio Gigena, ancor meno Luca Bernardi, Matteo Rossetti, Francesco Basei e soprattutto Rudy Mbemba. Sul taccuino del front office biancoblù anche qualche possibile nome in entrata. Il più gettonato è quello dell’italo-albanese Klaudio Ndoja, ancora sotto contratto con Scafati, giocatore che potrebbe dare solidità alla panchina accettando un ruolo di gregario come cambio degli esterni. Nel panorama del mercato americano pare che Portaluppi e Costa abbiano preso informazioni su Rickey Paulding Jr, guardia-ala, classe 1982, 192 centimetri, nell’ultimo campionato in Germania a Oldenburg. Nel reparto lunghi si segue la pista Darryl Watkins, centro di peso (211 centimetri per 109 chilogrammi), prodotto di Syracuse, reduce da una esperienza nel campionato cinese con la maglia di Tianjin, già nelle mire, l’estate scorsa, della Junior Casale Monferrato di Marco Crespi.