Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità.

Cliccando si "Accetto" ne autorizzi l'uso.

Shaquille O'Neal ha segnato 12 punti, LeBron James ha sfiorato la tripla doppia e i Cleveland Cavaliers sono andati avanti di 30 punti nel terzo quarto smantellando la vecchia squadra di Shaq, i Phoenix Suns, 107-90.

O’Neal ha aggiunto nove rimbalzi in 21 minuti, e il centro di Cleveland Zydraunas Ilgauskas ha segnato 14 punti il giorno in cui stabiliva il record di franchigia di gare giocate.

James ha chiuso con 12 punti, 10 assist e otto rimbalzi fermando la guardia dei Suns Jason Richardson, da lui vittimizzato l’anno scorso. I Cavs hanno mandato sette giocatori in doppia cifra.

È stato la seconda brutta sconfitta in seguito per i Suns, che sono stati cancellati per 126-99 dai New York Knicks martedì.

Channing Frye ha segnato 22 punti, e Steve Nash 13, ma ha servito solo cinque assist perdendo palla sei volte per Phoenix, che è stata tenuta al minimo stagionale di punti segnati.

Indossando delle uniformi del 1980, i Cavaliers hanno dato ai Suns un bel colpo.

Il canestro di O’Neal che ha aperto il secondo tempo ha portato Cleveland sul 59-29, e Phoenix non si è mai avvicinata a più di 12 punti nel quarto periodo.

O’Neal ha giocato una stagione e mezzo con i Susn, che credevano che lui fosse il pezzo mancante che li avrebbe portati al titolo NBA. Invece, il centro All-Star ha certamente rallentato l’attacco di Phoenix, che durante la permanenza di O’Neal nella Southwest, ha vinto solo una gara di playoff.

Cleveland ha prelevato Shaq per la stessa ragione, e fino a qui, ha fatto migliorare i Cavs, che hanno vinto 13 delle loro prime 16 partite dopo essere partiti 0-2.

Con O’Neal riunito con i suoi vecchi compagni di squadra, i Cavaliers sono finalmente riusciti a rendere il giusto omaggio a Ilgauskas.

Ilgauskas, la cui carriera era quasi finita a causa di un brutto infortunio al piede, è diventato il leader di franchigia per gare giocate con 724 partite al suo attivo. L’amatissimo lituano, noto ai tifosi di Cleveland semplicemente come “Z”, dopo superare il general manager Danny Ferry sabato, ma non è mai stato schierato in campo da coach Mike Brown.

Questa sgarbo ha fatto arrabbiare James, che ha chiamato Brown per supportare il suo compagno di squadra. Brown ha declinato la discussione della situazione prima della partita e la squadra curiosamente non ha fatto nessuno riconoscimento al record di Ilgauskas quando è entrato in campo a 3:50 dalla fine del primo quarto.

In ogni caso, Ilgauskas è anche il primo rimbalzista e stoppatore della storia della franchigia, e ha ricevuto una lunga standing ovation dal pubblico, che ha iniziato ad applaudire il centro dal momento che ha incominciato a scaldarsi per entrare.

I Cavs hanno giocherellato con i Suns nel primo tempo. Qualsiasi situazione offensiva provata da Cleveland funzionava, e difensivamente i Cavs hanno contenuto Phoenix cambiando sempre sui pick&roll – un marchio di fabbrica dei Suns.

Cleveland guidava 57-29 a metà partita con i Suns a pareggiare la loro peggior percentuale offensiva della storia dal 2002.

James ci ha regalato l’highlight difensivo quando nel secondo quarto è corso dietro Richardson per stopparlo. La stagione scorsa Richardson ha provato a schiacciare con un 360 prima che James lo raggiungesse e lo stoppasse.

I Cavaliers hanno demolito i Suns nel primo quarto, usando un parziale di 20-5 per chiudere il periodo sul 33-14. Phoenix è stata quasi quattro minuti senza segnare, un carestia stordente per il miglior attacco della lega. Ma è soprattutto la difesa dei Suns da essere biasimata.

Note:
James ha avuto le sue grane pubbliche, ma non è niente comparator a quello che Tiger Woods sta vivendo. “Non posso relazionarmi con la sua situazione, è una sua cosa personale. Spero il meglio per lui,” ha detto James. “Gli errori si fanno, nessuno è perfetto. Devi imparare dai tuoi errori e andare avanti.” … La guardia dei Suns Leandro Barbosa ha saltato la sua seconda partita consecutiva con una caviglia slogata… Phoenix ha perso più partite in fila per la prima volta nella stagione…. Il calendario sta per diventare favorevole ai Suns, che giocheranno 10 delle loro prossime partita in casa, dove per ora sono 6-0.