Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità.

Cliccando si "Accetto" ne autorizzi l'uso.

Dajuan Summers, dopo gli allenamenti di inizio preparazione, in Valtellina e poi a Cremona ha avuto la possibilità di giocare e di toccare con mano la sua nuova realtà targata Mens Sana.

"Mi sto ambientando bene - rivela sugli schermi di Euroleague tv - e la settimana passata in viaggio è stata molto positiva. Abbiamo perso la prima partita, ma poi piano piano siamo cresciuti, abbiamo lavorato per trovare il giusto ritmo e l'amalgama di squadra, la palla ha cominciato a viaggiare più veloce quando ce la passiamo. Siamo concentrati sui progressi del gruppo più che sui singoli match, e queste amichevoli sono state davvero utili". Inevitabile parlare delle differenze tra il Vecchio Continente e la Nba, da cui proviene. "In Europa il gioco è molto più fisico. Lo è anche nella Nba, ma negli Stati Uniti ci sono molte più partite e quindi non ci viene messa tutta questa aggressività, per non sprecare troppe energie. La singola sfida non ha tutto questo valore. Qui sì, qui ogni uscita conta moltissimo. In più noto che qua è preponderante la squadra, mentre la Nba è più individuale, ognuno pensa soprattutto a se stesso. In questa nuova esperienza ci si sente parte di qualcosa di importante". Summers, poi, si presenta: "Sono un elemento versatile, posso giocare sia sul perimetro che dentro l'area ricoprendo le posizioni da 3 o da 4 senza problemi. Credo che sia questa mia caratteristica la cosa più importante che posso portare alla causa della Mens Sana. In cosa penso di dover migliorare il mio stile di gioco? Direi in tutto, non mi piace pensare che c'è una cosa che so fare meglio e un'altra peggio. Lavorerò sul mio tiro in sospensione per realizzare un numero sempre maggiore di punti, migliorerò il mio trattamento del pallone, farò crescere la mia intensità in difesa perché so che ce ne sarà bisogno. Ogni giorno voglio andare in palestra e crescere in qualche aspetto, sia personale che all'interno del gioco della squadra. Per la prossima stagione spero di conquistare molte vittorie e di allungare la tradizione vincente della Monte-paschi. Ho trovato ragazzi che hanno fatto tanta strada, che hanno vinto il campionato. Vogliamo continuare così".