Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità.

Cliccando si "Accetto" ne autorizzi l'uso.

www.roseto.com
www.roseto.com

«L'avevamo detto che non ci volevamo fermare, che volevamo salire più in alto possibile». Nel dire queste parole Giuseppe Poeta è come il suo Teramo: soddisfatto, felice e divertito. E come potrebbe non avere questo stato d'animo dopo che la Banca Tercas ha battuto la Virtus.

 

Ma non c'è nessuno dei giocatori biancorossi che abbia steccato in quella che è stata soprattutto una grande prova di squadra, magistralmente orchestrata da coach Andrea Capobianco.Una vittoria costruita su una grande difesa e su un primo tempo che ha fruttato un tale bottino di punti da consentire al Teramo di accumulare un vantaggio sufficiente a contenere l'inevitabile ritorno delle V nere dopo l'intervallo lungo. «Abbiamo approcciato la gara nel modo giusto», dice Poeta, in una partita che per metà è stata perfetta e per il resto "solo" ottima. E se Moss è stato il braccio armato dei biancorossi, Poeta ne è stato l'anima: 14 punti, 4 rimbalzi, 8 falli subiti, 9 assist, 33 di valu-tazione in 31 minuti giocati. Più tutto quello che i numeri non possono dire.fame, avevamo voglia di vincere e l'abbiamo dimostrato fin dall'inizio della partita».Nei primi 15 minuti la Banca Tercas ha rasentato la perfezione, tanto che si può affermare che è stata la frazione di gioco più bella e spettacolare di tutto il campionato del Teramo. «Sono d'accordo», conferma il play biancorosso. «Avevamo di fronte una squadra di grande talento, tra le migliori del campionato e l'abbiamo affrontata nel modo giusto. La chiave della vittoria è stata la difesa: loro sono una squadra che se va in ritmo è una delle migliori in assoluto; noi siamo stati bravi a non farli saltare, a non farli entrare in ritmo con la nostra difesa. Siamo stati anche cinici e non ci siamo accontentati del più dieci, ma abbiamo continuato fino ad arrivare al più 19».Uno dei temi della partita era il confronto con il playvurtussino, l'ex Nba Earl Boykins: lo ha stravinto Poeta (per Boykins 2 punti, 1 assist e -1 di valutazione) anche se in modo indiretto. «Lui è un grandissimo campione», spiega il pay biancorosso, «ma il confronto fra di noi questa volta non può fare testo. Non ci siamo mai marcati a vicenda e lui non era al meglio della forma, veniva da un infortunio. Mi ha fatto un enorme piacere vincere questa partita, vincere contro la Virtus e contro Boykins, ma il confronto tra me e lui passa in secondo piano di fronte alla prova della squadra. Tutti abbiamo giocato bene; David (Moss ndr), poi, ha fatto una grandissima partita».E adesso che succede? La Banca Tercas è al secondo posto a pari punti con la Lottomatica (però terza in classifica in quanto Roma ha una migliore differenza canestri negli scontri diretti «ora pensiamo a Treviso. va bene lo stesso». «Restiamo con i giungerlo solo con un due su piedi per terra», osserva Poeta: se ci riusciamo sarà fantastico, se non ci riusciamo chi può chiedere di più a questa squadra? Niente, ma state pur certi che Capobianco e suoi non si sono ancora accontentati.